• Español
  • Català
  • English
  • Italiano
  • Français

DOC di pedofilia

Il disturbo ossessivo-compulsivo si manifesta in diversi modi. I pensieri, le compulsioni e l’intensità  di essi varia da persona a persona. Essendo un’esperienza diversa, anche il trattamento lo deve essere, deve adattarsi a ciascun paziente ma fondamentale è anche fare una diagnosi corretta del problema.

In questa sezione, parliamo di uno dei disturbi ossessivi compulsivi meno conosciuti ma che proprio per questo può generare più confusione, il DOC di pedofilia.

Le persone che hanno questo problema ne soffrono molto ma proprio perchè l’oggetto delle loro ossessioni è la  pedofilia, hanno difficoltà a consultare un professionista o parlare del poblema , dal momento cher viene spesso malinterpretato o si dà una falsa  diagnosi di pedofilia.Tuttavia, il DOC è qualcosa di molto diverso, si nutre di paura e non di desiderio, non ha nulla a che fare con l’essere pedofili.

Come possiamo aiutarti?

 

Cos’è il DOC di pedofilia

Il DOC di pedofilia è un disturbo ossessivo in alcuni casi senza compulsione, dove i pensieri incontrollati e ripetitivi si concentrano sulla paura di avere sesso con un bambino. Le persone con questo disturbo ossessivo compulsivo non vogliono far del male un bambino, nè avere sesso con lui, non ne sono eccitati, purtuttavia sono tormentati da pensieri che ciò potrebbe accadere. La compulsione, nella maggior parte dei casi, si concentra sull’essere costantemente alla ricerca di prove per disconfermare che sono pedofili.

La differenza, quindi, tra qualcuno che soffre di disturbo ossessivo compulsivo e un vero pedofilo è enorme. La paidofilia o pedofilia consiste nel provare eccitazione o piacere sessuale con minori, di solito tra 8 e 12 anni, mentre, la persona con DOC è terrorizzata dal fatto che qualcosa del genere possa accadere arrivando all’estremo di evitare di avvicinarsi ai bambini.

I bambini sono in pericolo con le persone con questo problema?

No, non c’è nulla di cui preoccuparsi oltre al fatto che la persona che soffre di questo disturbo stia bene e prenda l’iniziativa di cercare un aiuto professionale per mettere da parte la paura di questo tipo di pensieri.

Dobbiamo tener presente che le persone che soffrono di questo DOC evitano situazioni in cui si possano trovare soli con bambini, risulta loro difficile anche assumere la genitorialità per paura di commettere un atto inappropriato con i propri figli. Le compulsioni in molti di questi casi sono di controllo, cioè quando sono alla presenza di un bambino cercano di verificare che non stanno avendo nessun desiderio inappropriato.

 

Possibili cause del DOC di pedofilia

Il DOC di pedofilia, come il resto dei disturbi ossessivo-compulsivi, ha una base comune: ansia e paura. Più alti sono i livelli di ansia, maggiore è il numero delle ossessioni che aumentano la paura dei propri pensieri.

L’ansia, per le persone che soffrono di questo tipo di disturbo, è diventata una normale risposta agli stimoli quotidiani. La pulsione e l’istinto sono persi, non trovano una via d’uscita, poiché la loro risposta naturale è stata inibita da un eccesso di ragione, di “educazione”, la natura dell’individuo è ignorata.

Questo succede soprattutto alle persone che sono state sottoposte a forte stress durante tutta la vita. Un’educazione castrante e sommettitrice che per effetto di un fattore traumatico inizia progressivamente a risvegliare una serie di pensieri ossessivi che se non trattati gradualmente aumentano e trovano nella compulsione un sollievo momentaneo per calmare l’ansia.

Il risultato di questi fattori, aggiunti alla natura e alla genetica della persona, tende a dare una personalità inibita, che ha erroneamente o correttamente imparato che determinati atti sono dannosi, ripugnanti e disdicevoli. In questi casi la persona sentirà ansia di fronte a desideri normali e sensi di colpa di fronte a soddisfazioni normali. Gli impulsi corporei sono in conflitto e di solito coesistono con ideali molto alti rispetto a ciò che è giusto e a ciò che non lo è.

Altri elementi sono una sessualità poco integrata, il desiderio di compiacere e soddisfare tutti e una tendenza all’autodegrado ,cioè il sentirsi a proprio agio di fronte al proprio fallimento e alla propria colpa. La repressione che mettono in atto si spiega bene con queste parole: se non li ascolto, i miei impulsi non esistono. Ebbene, alle persone con disturbo ossessivo compulsivo, è successo che l’esperienza e la sottomissione li ha portati a castrare completamente questi istinti scambiandoli con i propri pensieri, questo fino al punto di mettersi costantemente alla prova per non cadere nella colpa e nel vizio,che sono, come detto, elementi per loro dannosi nell’idea che hanno di ciò che è giusto e di ciò che no.

Il DOC di pedofilia è una sofferenza che nella maggior parte dei casi si consuma in silenzio e che, soprattutto, è fortemente dannosa per chi lo ha e per i suoi parenti.

 

 

Come curare DOC di pedofilia

Per il trattamento del DOC di pedofilia prima si dovrà fare una anamnesi profonda della persona e un’analisi approfondita della sua storia di vita, cercando i conflittiche hanno potuto generare così tanta ansia per poter comprenderli e risolverli. Dobbiamo considerare che ogni terapia è unica nonostante i fattori comuni nello stile di vita dei pazienti, la vita e l’esperienza di ciascuno di essi naturalmente è molto differente.

Si dovrà costruire un’identità capace di adattarsi all’ambiente e per questo è necessario risolvere e restaurare parte della psiche della persona che è stata intrappolata nella paura e nella sofferenza. Trovare un equilibrio tra la natura della persona e i suoi istinti, sarebbe a dire cercare un ‘equilibrio tra lo stato cosciente el’ inconscio.

Rafforzare la personalità del paziente, insegnargli a incanalare la rabbia, il dolore e il desiderio e dare gli strumenti per iniziare a costruire una vita libera, senza dimenticare che gli istinti sono un mezzo di adattamento e che bloccarli ostacol una sana sopravvivenza.

Attraverso il metodo AFOP attiviamo le pulsioni e lavoriamo senza pregiudizi al fine di integrare la sessualità, la rabbia, la difesa, l’autostima, il coraggio, per trovare le passioni della persona e portarla ad una posizione vitale conforme ai suoi desideri e al suo archetipo.

Tutto ciò attraverso attività guidate ed esercitazi propri del metodo in cui oltre alla terapia, in alcuni casi, si lavora con tecniche teatrali, corporali e simboliche, con la pratica di alcuni sport e con attività che aiutano a recuperare gli istinti assopiti.

Con il dialogo, la lettura e la ricerca di riferimenti, come ad esempio l’integrazione di esperienze di vital,i spostremo la persona dalla sua posizione rigida nei confronti della vita, liberandolo dal giudizio estremo con cui si governa se stesso e ciò che lo circonda.

Con l’uso corretto e l’impegno nella metodologia AFOP la persona noterà che le sue ossessioni si faranno sempre meno insistenti e di conseguenza anche le compulsioni, lo stato d’ansia si affievolirà notevolmente fino a raggiungere il superamento del disturbo ossessivo compulsivo.

Per maggiori informazioni puoi metterti in contatto con l’Institut Psicològic Internacional de Barcelona (IPITIA)

METTITI IN CONTATTO CON NOI

(+34) 935 282 353

(+34) 637 669 160

o utilizza il nostro formulario. Risponderemo a tutte le tue domande.

© Copyright 2020 | IPITIA | Institut Psicològic Internacional | www.ipitia.com | Adaptación web 2XI media
Protección de Datos | Aviso Legal | Enlaces de interés | Uso de Cookies | Trabaja con nosotros